Crea sito

Recensioni

By , 16 ottobre, 2010, No Comment

LETTORI DI TUTTO IL MONDO, UNITEVI!! La domanda sorge spontanea. O meglio, ci è stata posta talmente tante volte che, oramai, potrebbe essere considerata come una deformazione professionale. “Perché ti piace tanto leggere?” Quante volte ci siamo sforzati di trovare una risposta che, per lo meno, non risulti scontata! “Perché….bhé…perché mi piace!” “Perché almeno riesco a fare temi migliori (la prof di italiano non è mai contenta)” “Perché mi aiuta ad evadere!” “Perché il mondo fa schifo (che c’ entra, poi, nessuno lo ha ancora capito…)!” Leggere, leggere, leggere! Sembra quasi una colpa dalla quale uno debba giustificarsi! Ma, se per caso, non sei tra gli amanti dello sfogliar pagine…Sacrilegio! “Leggi!” Ti ordinano! Pennac in “Come un romanzo” scrisse che il verbo leggere, come il verbo amare, non può essere usato all’ imperativo. Quindi, che adoriate i libri o no, che sentiate il bisogno di vivere esperienze che altrimenti non avreste mai avuto la possibilità di raccontare, o che abbiate i piedi strettamente legati alla realtà, qui potrete trovare quello che fa per voi. Perché leggere DEVE essere un piacere! Perché i libri ci danno la possibilità di vestire dei panni che non sono i nostri; perché ci cuciono addosso tessuti e broccati fatti di sogni, avventure, fantasia, realtà che, benché sconosciute, sentiamo comunque vicine; perché ogni libro è stato scritto apposta per chi lo sta leggendo in quel momento; perchè, se la nostra vita ci sta stretta, o non ci basta, o se siamo semplicemente curiosi di assaporare gusti che non conosciamo, allora, un racconto, un romanzo o una poesia, diventano quel racconto, quel romanzo, quella poesia, pronti apposta per noi, scritti apposta per noi! E ci stupiamo di come l’ autore sia riuscito ad esprime ciò che a noi risultava difficile soltanto pensare. QUESTA E’ MAGIA!

I Dolori del giovane Werther

L’amante di Lady Chatterley

Come cenere nel vento

In nome della madre

Ritrovarsi

Desiderio

)